Impianto aspirazione COV con postcombustore rigenerativo

Abbattimento con postcombustore dei COV generati da emissioni di polveri di distaccante a base solvente

  • Tipologia impianto:  Aspirazione e filtrazione COV
  • Portata d’aria: 20.000 mc/h
  • Tipo di filtro: Prefiltro a maniche mod. AIRCOM, Postcombustore
  • Ventilatore: 45+30 kW

Descrizione generale

Un impianto per l’abbattimento dei COV derivanti da robot di applicazione di distaccante è stato realizzato combinando l’efficacia di un filtro a maniche e di un postcombustore.

Il flusso d’aria inquinata viene portato inizialmente a un prefiltro a maniche, il quale elimina eventuali residui polveri derivanti dalla lavorazione. Dopodiché, un postcombustore termico rigenerativo è impiegato per l’abbattimento con elevata efficienza delle sostanze organiche volatili e dei COV. Infine, un ventilatore ad alto rendimento crea la necessaria depressione per garantire l’aspirazione e convogliare l’aria filtrata all’esterno tramite camino di scarico.

Dati di progetto postcombustore

 Portata d’aria 20.000 Nm3/h
 Temperatura di ingresso fumi da trattare 20-30°C
 Temperatura di combustione 850 °C
 Combustibile disponibile Metano di rete

L’impianto è destinato al trattamento di 20.000 Nm3/h di aria inquinata dalla presenza di solventi a una temperatura pari a 20°C. Il combustore è dotato di una soffiante per fornire una portata d’aria costante, mentre la camera di combustione è dotata di rivestimento in mattoni isolanti e pannelli di fibra ceramica. La temperatura di progetto del postcombustore è pari a 850°C, dimensionato per un tempo di permanenza di 1 secondo, in modo da consentire la completa ossidazione delle sostanze organiche volatili contenute. Si utilizza un bruciatore a gas, con funzionamento modulante, in grado di operare anche con notevoli eccessi di aria.

Principio di funzionamento del postcombustore

Raggiunta la temperatura di lavoro pari a ca. 850°C viene aperta la valvola di processo. L’aria da depurare entra nella I° torre di scambio termico e sottrae calore alle ceramiche surriscaldate che si raffreddano.

Ad una temperatura prossima a quella di processo, l’aria entra nella camera di combustione ove, per effetto del combustibile di apporto, viene raggiunto il livello termico impostato.

In uscita, l’aria a 850°C cede il calore alla seconda camera di combustione e alla temperatura di 90 – 100°C viene aspirata dal ventilatore ed espulsa dal camino.

Questo ciclo dura circa 60 secondi trascorsi i quali si ha lo scambio delle valvole IN/OUT consentendo all’aria da trattare di entrare mediante la II° camera di recupero che al momento è in temperatura.

I gas caldi uscenti dalla camera di combustione entrano nella III° camera di recupero e si raffreddano. Ogni 60 secondi il ciclo si ripete.

CATEGORIE

ULTIME NOTIZIE

Coral sarà presente alla fiera 33.BI-MU

Coral Engineering sarà presente dal 12 al 15 ottobre 2022 alla 33° edizione di BI-MU, fiera biennale internazionale dedicata all’industria costruttrice di macchine utensili.

Coral vi aspetta a Samuexpo 2022

Coral Engineering vi aspetta a Samuexpo, un evento di riferimento a livello nazionale e internazionale per l’industria manufatturiera, dal 31 marzo al 2 aprile 2022.

CONDIVIDI

Articoli correlati

Richiesta info
Info request